Put on a shirt, ya hippie!

La mia pagina Facebook è un manifesto della dissociazione multipla di personalità, al momento. Anche questo titolo. Sono un polipo blu con l’arteriosclerosi. Non ho un avatar con la mia faccia da troppo tempo perché abbia voglia di controllare da quanto. Non sono più nemmeno tanto certa di averla, una faccia. E… ehi. Ciao blog.… Continue reading Put on a shirt, ya hippie!

Incipit rabidi e piacevolezze didattiche

Lo so. Non scrivo da quasi due mesi. Lo so, crostatine al limone. Sono stata, diciamo, vagamente risucchiata dalla vita. Non che non abbia cose da dire – forse comincio a tornare ad averne, e parecchie, e questo dovrebbe rendere felici anche voi, ma soprattutto rendere felice me – semplicemente manca il tempo di sedersi… Continue reading Incipit rabidi e piacevolezze didattiche

Oh abate, abate, perché sei tu abate?

Visto che ultimamente si è troppo seri, volevo ricordare all’universo mondo che rivoluzioni spirituali o no sono sempre una con le unghie lilla, che ha due magliette con la faccia di Nietzsche e che considera giocare a Just Dance il massimo dello sport che farà mai. E che ha una lista di cose idiote che… Continue reading Oh abate, abate, perché sei tu abate?